Si estende in una bellissima valle lungo le due rive separate dalle acque del fiume Douro per proseguire fino a quasi la foce. Sicuramente meno sfarzosa della capitale, un fascino un pò malinconico ma in fondo caratteristica comune di molte città lusitane, Porto è probabilmente una gemma fin troppo poco conosciuta al turismo di massa.

Una città che offre tanto al visitatore che vuole scoprirne i preziosi dettagli, come gli azulejos che coprono interni ed esterni di molti palazzi e narrano di storie impensabili. La stazione centrale di São Bento è un esempio conservato perfettamente con scene di guerra e conquiste militari portoghesi, di cui i portuensi ricordano con fierezza che qui è rimasto in vita l’ultimo grande impero ed in particolare del soprannome di cidade invicta (non vinta) col quale si ricorda Porto per aver resistito qualunque incursione o assediamento fin dalla sua fondazione durante l’impero romano.  

Azulejos Estação São Bento

Forse conosciuta ai più per il suo vino dolce e commercializzato in tutto il mondo, anche se non è da meno la produzione di vini bianchi e rossi d’eccellenza frutto della generosità di queste terre e del clima ideale. Per chi dal centro della città decide di attraversare il fiume attraverso uno dei sui tanti ponti, specialmente quello di Dom Luís I, ispirato alla costruzione di Eiffel del vicino ponte Maria Pia si giunge a Vila Nova de Gaia dove si sono stabilite tutte le cantine del vino Porto e dove si può liberamente entrare e durante la visita assaggiare, veramente a pochi euro, produzioni commerciali e non.

Porto da Vila Nova de Gaia

Ma Porto non è solo vino, appunto, è nota invece per essere una delle capitali dell’oro nel mondo. 

Già perchè il Portogallo ha una delle riserve auree più ricche ed a Porto città che si articola tra un fitto groviglio di piccole strade si conserva una delle tradizioni più affascinanti di questa città.

La lavorazione artistica a filigrana di oro e argento, oltre ad avere origini antichissime, è uno dei simboli dei fasti di questa nazione. Probabilmente appresa durante il periodo degli scambi con il lontano oriente e tramandata fino ad oggi è un’arte di manualità e passione. I monili e preziosi realizzati con questa tecnica sono dei veri capolavori.

Sono poche le gioiellerie ed i negozi di orafi storici che sono rimasti in vita, complice forse anche la pesante economia di questi ultimi anni ma per chi fa visita alla città del nord un souvenir dalla famosa gioielleria Machado Joalheiro è una delle cose che vi faranno lasceranno un prezioso ricordo di questo viaggio nelle vostre mani per sempre.

Coração de Viana

Se avete già visitato il Portogallo e vi siete dimenticati di acquistare uno di questi preziosi potete visitare qui